10 errori da evitare con i rimedi naturali per lo stomaco – StopGastrite

I 10 ERRORI da evitare con i Rimedi naturali per lo Stomaco

Quando lo stomaco fa male, brucia o arriva l’acidità possiamo cercare sollievo con i rimedi naturali e evitare i farmaci il più possibile.

Siamo attirati dai rimedi naturali perchè possono aiutare a risolvere i disturbi digestivi, senza dare dipendenza come i farmaci e con meno effetti collaterali.

Finche si tratta di un problema temporaneo si può migliorare la situazione con una semplice tisana per digerire che possiamo farci preparare dall’erborista.

Non ci sono grossi rischi e spesso può bastare una settimana di tisane per regolare l’acidità di stomaco.

Ma quando i tuoi  disturbi sono più insistenti e ripetitivi, una semplice tisana non è più sufficiente.

Ecco che molte persone, iniziano a credere che i rimedi erboristici non siano efficaci e si rivolgono ai farmaci e agli integratori.

Tante volte nelle consulenze con i miei clienti scopro che stanno già assumendo da molto tempo svariati integratori, vitamine o altro genere di farmaci e non solo quelli prescritti dal medico.

Spesso mi rendo conto che questa scelta viene fatta ascoltando la pubblicità in televisione, i consigli degli amici o dall’erborista stesso, attraverso una valutazione troppo generica e non approfondita. 

Infatti ho notato che molti disturbi digestivi sono peggiorati dall’assunzione eccessiva e fuori luogo di certi integratori,  che in molti casi fanno anche peggiorare la gastrite o il reflusso.

In questo articolo voglio aiutarti ad evitare gli errori più frequenti che le persone commettono quando cercano di curare i problemi di stomaco con i rimedi naturali.

Vediamo nel dettaglio i 10 Errori da evitare:

1. Usare rimedi, senza aver migliorato l’alimentazione

Non sto parlando di fare diete restrittive, ma bilanciare gli alimenti che si utilizzano senza esagerare con carboidrati, proteine o grassi e senza escludere le fibre dalla propria alimentazione di base.

Se non inizi ad ascoltare il tuo corpo e sentire come ti senti dopo aver mangiato un alimento non puoi migliorare la tua salute. Il tuo corpo ha bisogno di energia, di quella “giusta” che serve a te per stare bene.

Quindi il primo errore da evitare è mescolare troppi alimenti diversi nello stesso pasto ed evitare le abitudini alimentari che ti fanno male.

Nessun rimedio, anche il migliore e il più adatto a te potrà funzionare, se non parti dall’alimentazione.

2. Usare i rimedi naturali, senza prima aver depurato il corpo dalle sostanze infiammatorie

Se vuoi ottenere seriamente dei risultati con i rimedi naturali devi PRIMA RIDURRE il consumo di caffeina, fumo di sigaretta, latticini, alcolici, alimenti dolci a base di farina bianca raffinata, carni grasse o fritture scadenti.

Questi sono conoscenze alimentari di base che certamente conosci, ma che devi cercare di mettere in pratica il più possibile. Meglio fare qualche piccola rinuncia se vuoi ridurre l’infiammazione. Diversamente non otterrai alcun risultato con i rimedi.

Solo allora potrai iniziare ad usare i rimedi con maggiore risultati.

3. Usare rimedi per la digestione, senza praticare alcuna attività fisica o altro esercizio di rilassamento

Voglio farti qualche esempio di cosa intendo per attività fisica che aiuti lo stomaco a recuperare.

Un sano e regolare movimento possibilmente all’aria aperta, a contatto con la natura stimola i movimenti digestivi;

Gli esercizi di respirazione o di yoga sbloccano il diaframma che trattiene lo stomaco in tensione;

i trattamenti di rilassamento ( Shiatsu e Riflessologia in particolare ) riducono notevolmente e rapidamente i livelli di stress;

le tecniche di meditazione, praticate almeno mezz’ora al giorno calmano la mente e la svuotano dai pensieri.

questi sono solo esempi di attività fisica, per far scaricare il corpo e la mente dallo stress.

Ogni forma di stress condiziona pesantemente i tuoi disturbi e ne impedisce la soluzione.

Se non hai una valvola di sfogo regolare, puoi usare i migliori rimedi e impostare un alimentazione bilanciata, ma i tuoi disturbi di stomaco tenderanno a diventare cronici lo stesso.

4. Usare regolarmente multivitaminici o altri integratori, senza una reale carenza

I minerali come il calcio, il magnesio e potassio, il ferro e altre vitamine usate in modo generico, senza una reale carenza, diventano tossici per il corpo che farà aumentare il lavoro di fegato e reni per eliminarli.

Queste pratiche scompensano l’equilibrio acido-basico nel corpo e a livello di stomaco.

Inoltre gli integratori di vitamine sintetiche disabituano il corpo ad assorbirle dagli alimenti e creano una forte dipendenza come fanno le medicine.

5. Usare rimedi dove c’è di tutto…

Questa è una pessima idea perché un preparato che contiene contemporaneamente le vitamine più disparate, le proteine, i Sali minerali e anche dei rimedi erboristici sintetici possono involontariamente peggiorare i tuoi disturbi digestivi.

 Ci sono rimedi che vanno bene e altri che sarebbe meglio evitare, per questo non ti consiglio di assumere macedonie strane di rimedi solitamente molto costosi e realmente poco utili.

6. Sbagliare completamente rimedio

Quando assumi un singolo rimedio ( e non un miscuglio di rimedi ) bisogna centrare bene il rimedio adatto al tuo caso specifico. Sia che si tratti di un prodotto di erboristeria oppure un preparato vegetale sintetico.

Ci sono rimedi, che a tua insaputa, possono esasperare i disturbi digestivi.

In naturopatia si ha l’abitudine di testare i rimedi prima di consigliarli. Sta alle competenze del naturopata utilizzare queste tecniche e dare al cliente il rimedio più adatto.

Per questo non ti consiglio di farti dare il primo rimedio che trovi in erboristeria o in farmacia, solo perché hanno gli scaffali pieni e lo devono vendere in tutti i modi. Con rispetto parlando.

Inoltre questa pratica può farti perdere un sacco di tempo e ritardare la guarigione naturale dei tuoi disturbi.

7. Continuare a provare rimedi naturali per tentativi

Se ti accorgi di aver sbagliato una volta ad assumere rimedio, sei ancora in tempo per rimediare, ma non farlo diventare una abitudine.

Spesso si inizia al supermercato con tisane o prodotti da banco a poco prezzo, poi si passa al consiglio del farmacista o dell’erborista, poi si riprova con altri rimedi esotici acquistati su internet e avanti così all’infinito.

Se fai parte di questa categoria di persone, ti consiglio di smettere subito con questa abitudine.

Non scherzare con la tua salute. Naturale non è sinonimo di: va tutto bene…

Non funziona così, lascia perdere perché puoi provocarti dei danni anche con i rimedi naturali e gli integratori.

8. Sbagliare completamente la dose e il momento per assumere i rimedi

I rimedi naturali non hanno una posologia ben definita, ma questo non significa che li puoi assumere quando capita o quando ti ricordi.

E ancora peggio NON partire subito con dosi da cavallo senza neanche sapere se va bene per te.

Mi raccomando di iniziare sempre da piccole dosi: 10 gocce, 1 compressa e poi se hai del beneficio poi aumentare un pochino. Ad esempio, i rimedi per favorire la digestione  si assumono prima dei pasti o un’ora dopo.

9. Assumere rimedi che Interferiscono con l’assorbimento delle medicine

Ci sono rimedi naturali che possono ridurre l’effetto delle medicine, perché la trasformazione in forma attiva dei farmaci avviene nel fegato, dove i rimedi a loro volta vengono metabolizzati.

Quindi se NON conosci gli effetti dei rimedi che vuoi assumere e sei in terapia cronica con i farmaci per la pressione, il colesterolo, gli anticoagulanti del sangue, gli antidepressivi, i farmaci neurologici, presta molta attenzione e chiedi aiuto a chi ne capisce, in primis il tuo medico curante.

10. Acquistare integratori di scarsa qualità o troppo costosi

Troppe volte si acquistano integratori in polvere dove praticamente non c’è traccia di principio attivo, del tutto inutili per avere un effetto tangibile.

In altri casi vi sono integratori che contengono estratti secchi che hanno a mio parere dei prezzi eccessivi per la quantità di principio attivo permesso dalla legge.

La legge Italiana prevede che un integratore di libera vendita non deve superare un certa concentrazione di principio attivo. Quindi per le dosi limitate che possono essere utilizzate, il prezzo diventa spesso eccessivo.

Altrimenti diventa un farmaco e deve essere dato su prescrizione medica, a discrezione del medico.

CONCLUSIONE

Da come puoi notare da questo articolo anche i rimedi naturali e gli integratori nutrizionali non sono immuni da rischi per la salute. Inoltre i rimedi vanno scelti con cura preparando il corpo ad accogliere i loro effetti benefici.

Ti suggerisco di rivolgerti ad un naturopata o un professionista che abbia pratica ed esperienza con questi rimedi e soprattutto che abbia la possibilità di testare per te i rimedi più adatti.

Se desideri il mio aiuto vai a vedere la pagina della Consulenza Personalizzata: Rimedi Naturali Stop Gastrite

Grazie della tua attenzione!

Pierluigi

2 commenti su “10 errori da evitare con i rimedi naturali per lo stomaco”

  1. Augusto Perrone

    Pierluigi, per l’eradicazione della Helicobacter pilory purtroppo devo prendere 12 capsule al giorno di Pylera per 10 giorni e Pantoprazolo per diminuire i danni degli antibiotici…
    Ho seguito i tuoi consigli sull’importanza di una sana alimentazione e dopo quasi una settimana di medicine sono diminuiti i disturbi, ma continuerò a seguire una rigorosa disciplina alimentare basata sui 10 errori da evitare.
    Ti ringrazio per la tua professionalità che condividi con tutte le persone. Ti ammiro

    1. Pierluigi Caramagna

      Buongiorno, la cura antibiotica è un po’pesante in effetti. Grazie del riscontro positivo sulla newsletter. B giornata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *